Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘Europa’

Quanto è vicina l’Europa ai giovani? E quanto è importante l’Unione Europea per il nostro Paese?
Si sente spesso parlare di un’Europa lontana, distante soprattutto dai giovani che vengono lasciati soli in questo oceano di persone, provenienti da diversi Paesi ma comunque accumunate da un medesimo obiettivo: l’Europa unita, vicina e unificata da forti legami, non solo di vicinanza geografica ma soprattutto d’ideali e d’intenti.
Un’Europa intesa non solo come sicurezza monetaria, ma soprattutto come motore di diffusione della cultura e garanzia d’occupazione, fattori questi che costituiscono i pilastri per conservare e far prosperare quella democrazia di cui l’Europa è stata culla e costruttrice, dalla Magna Carta Libertatum del 1215, alla Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino del 1789, fino alla Costituzione europea sottoscritta dai capi di stato e di governo di 25 paesi nel 2004. Una storia giuridica che ha tracciato, nonostante momenti oscuri, la base del vivere civile per l’intera umanità.
Ma se, appunto, molte persone, per ignoranza o per pigrizia, non sanno che l’Europa o meglio L’Unione Europea è più vicina di quanto si possa pensare, se posso parlare a nome dei giovani che come me hanno voglia di partecipare attivamente all’accrescimento dell’antico continente, tutti quanti devono essere consapevoli di poter partecipare attivamente a questa grande “opera”.
Ad esempio, il biennio 2007-2008 è stato molto importante per le politiche ed i programmi europei in favore dei giovani: da un lato l’avvio dei programmi settennali Gioventù in Azione e Lifelong Learning, dall’altro le esperienze consecutive dello Youth Summit(realizzato in occasione della celebrazione del cinquantenario dei Trattati di Roma) e di due edizioni della Settimana Europea dei Giovani (Giugno 2007 e Novembre 2008).
Questi ultimi tre eventi ed il corollario di attività che ne sono scaturite hanno dimostrato, da un lato, che i giovani vogliono partecipare, discutere e fare proposte sui temi che li riguardano, dall’altro, mostrano una marcata ignoranza sul quadro di riferimento europeo: istituzioni, funzionamento e programmi europei sono quasi sconosciuti alla grande maggioranza dei giovani italiani.
La peculiarità di questo quadro di contesto va dunque rapportata agli obiettivi comunitari sulla partecipazione dei cittadini all’intrapresa europea: in particolare, la partecipazione dei giovani rappresenta la sfida più ambiziosa, e al contempo quella più strategica, per il futuro dell’Europa.
Al di là della facile retorica, se le giovani generazioni non faranno propria la dimensione europea del loro futuro socio-occupazionale, gli obiettivi della strategia di Lisbona non diventeranno mai una realtà.
Inoltre, il risultato negativo del referendum in Irlanda sull’approvazione del Trattato di Lisbona ripropone con forza il tema della comunicazione dell’Europa verso il grande pubblico.
Risulta evidente l’esistenza di una asimmetria informativa tra istituzioni e popolo in Europa: questo progetto vuole dunque sperimentare un approccio innovativo, diretto e continuativo per colmare il deficit comunicazionale e coinvolgere i cittadini, in particolare, i giovani, nel diventare testimoni consapevoli delle opportunità disponibili per tutti noi nell’Unione Europea di oggi.
Se vogliamo essere noi stessi gli attori in questa Europa unita, è proprio perché dobbiamo essere consapevoli dell’importanza che ha per l’Italia far parte di questa “grande famiglia”: siamo figli della caduta del muro di Berlino, ed è dal 1989 che dobbiamo ripartire tutti.
L’Europa ha l’economia più vasta e, allo stesso tempo, il più esteso e capillare sistema di welfare del mondo; il sistema di governo europeo è in continuo divenire. L’equilibrio istituzionale dell’Unione Europea è cambiato dando sempre più importanza al Parlamento europeo, l’unica istituzione eletta direttamente dai cittadini. La ricerca fa parte del “triangolo della conoscenza” (istruzione, ricerca e innovazione) destinato a rafforzare la crescita e l’occupazione dell’Unione Europea in un’economia globalizzata. La Strategia di Lisbona e i programmi comunitari collegati sono una grande opportunità per incrementare gli investimenti nazionali e privati.
L’Italia in Europa oggi è un paese più risanato, è un paese europeista come e più degli altri.

Annunci

Read Full Post »